STIVOR, TRA LEGENDA E REALTA'

 

Stivor, come colonia trentina, nacque attorno agli anni '90. Al momento del loro arrivo in questa terra bosniaca i coloni ottennero ai dintorni di Palackovci, Babanovci, Velika Ilova, Glogovac, Jadovica, Modran, Sibovska, Prnjavor, Kulasi e Doboj delle terre da coltivare. Nei primi anni di permanenza l'emigrazione trentina in Bosnia fu caratterizzata da un forte dinamismo. I trentini giunti in terra slava furono gettati allo sbaraglio nelle foreste e nelle terre incolte disponibili. Dal 1883 agli anni '90 assistiamo ad una sorta di disperato vagabondaggio da parte delle famiglie trentine che si trovano costrette a cercare un provvisorio riparo. Le stese famiglie avevano visitato più di una zona prima di trovare la loro definitiva sistemazione a Stivor. La decisione di abbandonare le terre concesse dal governo austriaco per portarsi in altre zone era dettata da due motivazioni: la ricerca di una terra migliore ed il desiderio di avvicinarsi ai propri conterranei.


Stivor,1930 circa. Gruppo di emigrati.